Archivio

L'Archivio del Partito Comunista (Federazione di Livorno)

L’Istituto Storico della Resistenza conserva dal 2010 il fondo documentario della Federazione livornese del Partito comunista. Si tratta di un fondo archivistico rilevante per tutti gli studiosi ma anche per tutti gli appassionati di storia contemporanea considerata l’importanza che la vicenda del Partito comunista e nello specifico della Federazione livornese del Partito comunista, fino alle sue successive trasformazioni, riveste nel panorama della storia politica italiana.

Il fondo, che copre gli anni che vanno dal 1944 al 1991, è diviso in 10 sezioni ed è composto da 523 fascicoli (contenuti in 131 buste) e 39 filmati.

[Vuoi contribuire ad arricchire il fondo del Pci di Livorno? Vai nella sezione "La storia sei anche tu]

Nel 2011 è stato condotto dall'archivista Michela Molitierno un lavoro di riordino e descrizione archivistica della documentazione che ha avuto come esito finale la pubblicazione del database sul sito del progetto Archivi del Novecento dove, oltre alla struttura generale del fondo, è possibile accedere alla descrizione delle singole serie. Il riordino è stato reso possibile anche grazie al contributo concesso dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena a cui va il ringraziamento dell'Istoreco per la sensibilità dimostrata verso la conservazione e la trasmissione delle memorie. Al fine di rendere il fondo documentario fruibile al meglio per i ricercatori sarà necessaria un’ulteriore analisi che porti alla descrizione di ogni singolo fascicolo.

La storia del fondo

Il materiale è giunto all’Istituto in un discreto stato di conservazione, ma privo di un preciso ordinamento e sprovvisto degli strumenti di corredo necessari alla ricerca storica. La documentazione, riunita in buste di cartone contenenti fascicoli, carte sciolte e materiale a stampa, si presentava spesso riunita secondo un criterio cronologico attribuito a posteriori. Le poche unità che avevano mantenuto l'ordinamento originale erano quelle relative all’istituzione di una Commissione di lavoro per la ricostruzione dell’archivio storico dell’aprile del 1987. Con i preziosi consigli dell’allora direttore dell’Archivio di Stato di Livorno, Paolo Castignoli, iniziò in quel momento la fase di recupero del materiale, attraverso l’invito alla collaborazione rivolto ad ogni militante del partito al fine, da un lato, di rendere fruibile la documentazione già rinvenuta e, dall’altro, di accrescere le fonti da destinare agli studiosi delle future generazioni.

La Commissione attribuì il compito di riordino a Iolanda Nocchi, impiegata presso la Federazione, che decise di raccogliere interviste e di riunire la documentazione allora presente nei vari uffici del Partito in un magazzino chiamato “Riseccoli”, nella zona di via Garibaldi. I primi risultati di questo lavoro di riordino furono resi noti mediante un testo circolato nelle strutture del partito, al quale era allegato l’elenco dei documenti ritrovati ed il relativo titolario di classificazione costruito intorno alla fine degli anni Ottanta.
Purtroppo i numerosi traslochi successivi hanno determinato inevitabilmente la divisione dell'intero corpus documentario, ragione per cui nel 2001 fu deciso un nuovo riordinamento per anni, escludendo infine l'opportunità di un'organizzazione logica delle sezioni.
Se la formazione della raccolta non e avvenuta in modo omogeneo, alla situazione di disordine hanno contribuito numerosi fattori, non ultimo una tendenza all'espilazione di singoli documenti dall'intero fondo.

La documentazione conservata

Per quanto concerne la natura della documentazione conservata, si può rilevare una prevalenza di atti congressuali - sia nazionali che provinciali e di sezione - comprendenti verbali, mozioni conclusive, bollettini, questionari di sezioni, rassegne stampa e altro materiale, in particolare documenti relativi a pratiche di dimissione, esclusione e denuncia di compagni noti, dati finanziari e soprattutto statistici relativi alle campagne di tesseramento.
Un’interessante sezione d’archivio è costituita dagli atti, relazioni e rassegne stampa prodotti dalla Commissione problemi del lavoro (operante fondamentale soprattutto nella zona di Rosignano Solvay), compresa nella serie “Commissioni di studio”, dove è stata collocata anche la documentazione della “Commissione infrastrutture-porti-trasporti”. Qui si possono trovare interessanti spunti relativi allo sviluppo del porto livornese, fondamentale punto di incontro industriale toscano.

Attualmente l’archivio si struttura nelle seguenti dieci sezioni:

I. Congressi e conferenze (1944 – 1991)
II. Organi di direzione e controllo (1944 - 1990)
III. Rapporti con altre istanze del partito (1955 - 1991)
IV. Amministrazione e informazione (1948 - 1991)
V. Commissioni di studio (1955 - 1990)
VI. Elezioni (1958 – 1990)
VII. Feste dell'Unità e manifestazioni (1965 – 1990)
VIII. Testimonianze (1962 - 1978)
IX. Rapporti con altre formazioni politiche, movimenti, enti e organizzazioni (1951 – 1987)
X. Memorie storiche, carte relative alla scomparsa di dirigenti locali e nazionali (1966 – 1990)

Le prime due, relative ai congressi e agli organi di direzione e di controllo, racchiudono la documentazione prodotta sull'attività di decisione e direzione generale da cui dipende il lavoro della singola Federazione. La terza sezione, denominata “Rapporti con altre istanze del partito”, include materiale prodotto dagli organi di base territoriale e di settore, documenti di cellule e sezioni pervenuti alla Federazione e materiale del Comitato cittadino. La sezione “Amministrazione e informazione” comprende documentazione relativa alla raccolta dei dati statistici e alla comunicazione interna, materiale prodotto dalla Commissione problemi del partito e dalla Commissione stampa e propaganda. La sezione “Commissioni di studio” comprende tredici serie, relative alle diverse competenze delle commissioni nei vari ambiti dell’organizzazione. Le “Elezioni” illustrano i dati statistici e propagandistici. La sezione “Testimonianze” comprende corrispondenze e ricerche su altre formazioni politiche.

Archivi audiovisivi. (Serie VIII) Le fonti orali e i filmati del partito comunista livornese

Il materiale audiovisivo conservato dall'Istoreco non è raccolto in un fondo archivistico a sé stante, ma risulta compreso nell'eterogenea documentazione che costituisce l'archivio del Partito comunista.

Oltre ad interviste su audiocassette raccolte negli anni ’80 da Iolanda Nocchi, contenenti interessanti dichiarazioni di esponenti della prima stagione comunista come Mazzino Chiesa, Ilio Paperi e Aramis Guelfi, l’Istituto conserva bobine relative al Partito, alcune già digitalizzate dall’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Roma, altre non ancora in formato digitale, come alcuni filmati sulla NATO e convegni nazionali, nonché un documentario relativo a I pescatori di perle nella zona Giappone-Corea.

La necessità di conservare una raccolta di fonti orali per la storia contemporanea, ed in particolar modo di quella politica, si evince fortemente considerando quanto gli archivi politici e dei partiti rappresentino soltanto in maniera limitata esperienze e sviluppi storici di una società così complessa come quella del Novecento. Spesso infatti le scelte conservative risultano basate su motivazioni di tipo politico, economico, sociale e culturale più che su criteri storici.

La possibilità di digitalizzare e rendere fruibili testimonianze dirette di aderenti o di persone vicine al partito permetterebbe senza dubbio di poter approfondire il legame tra politica e territorio e di poter meglio comprendere l'evoluzione del partito nel corso dei decenni.

Gli archivi del PDS e dei DS

L’Istoreco conserva anche materiale documentario prodotto dal Partito dei Democratici di sinistra, poi Democratici di sinistra. Tale materiale costituito da 4 metri lineari, ancora non ordinato, dovrà essere analizzato e comprende prevalentemente documenti congressuali e di propaganda nonché fascicoli di natura funzionaria e di carattere amministrativo. Si riferisce cronologicamente agli anni Novanta ed è conservata dall’Istituto in attesa di un’adeguata inventariazione.

 

Condividi con noi la storia del '900

20 GIUGNO 2017 - 73 ANNI DALL'ECCIDIO DI VADA

La comunità rosignanese torna in piazza martedì 20 giugno per commemorare una delle pagine più drammatiche della sua storia: l’Eccidio di Vada del 20 giugno 1944

continua

29 maggio 2017 - Giornata cittadina per la pace

Lunedì 29 maggio verrà celebrata a Livorno la Giornata Cittadina per la Pace, istituita dal Consiglio Comunale nel 2004, in ricordo dei bombardamenti che distrussero la città durante l’ultima guerra mondiale, e organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio.

continua

5 giugno 2017 - Giornata di formazione con ANPI e CGIL

L'Istoreco di Livorno organizza insieme alla Cgil-Provincia di Livorno e all'Anpi-Comitato provinciale di Livorno una giornata di formazione e studio su storia, sindacato e lavoro, dal titolo "Dagli scioperi del '43 alla Costituzione nei posti di lavoro", che si terrà lunedì 5 giugno dalle ore...

continua

Percorsi didattici

Proposte per l'Anno Scolastico 2015-2016
continua

Una foto per la storia

Con le foto del nostro archivio ti raccontiamo la storia di Livorno.
Aiutaci ad arricchire il racconto.
Inviaci la tua foto-storia.
Vai alla pagina

Aiutaci a conservare i documenti

Raccogliamo le carte della storia politica sociale ed economica del '900.
Hai delle carte importanti?
Non sai come conservarle? Contattaci.
Vai alla pagina

La storia sei anche tu

La storia è un bene di tutti.
Fatta da tutti...anche da te.
Partecipa alla nostra iniziativa
#lastoriaseianchetu
Vai alla pagina

La storia nella tua scuola

Sei un insegnante?
Vuoi costruire un percorso didattico
sulla storia per la tua classe?
Guarda i nostri percorsi.
Vai alla pagina

Istoreco ha bisogno di te

Puoi aiutare le nostre iniziative
con una liberalità o divenendo
socio del nostro Istituto.
Vai alla pagina

Il nostro sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni. Accetto

Dove ci trovi?

-
Tel.
E-mail: istoreco.livorno@gmail.com